Call for papers / Call for papers

 

Direttore

Pompeo Della Posta

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

Segretario di redazione

Federico Oliveri

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

Comitato scientifico

Leonardo Becchetti (Università di Roma "Tor Vergata"), Donatella della Porta (Scuola Normale Superiore di Pisa), Francisco Jiménez Bautista (Universidad de Granada), Maria Rosaria Marella (Università degli Studi di Perugia), Domenico Mario Nuti (già Università di Roma "La Sapienza"), Massimo Panebianco (già Università degli Studi di Salerno), Eduardo A. Sandoval Forero (Universidad Autónoma del Estado de México), Alexis Tsoukias (già Université Paris-Dauphine), Stefano Zamagni (Università di Bologna)

 

Comitato di redazione

Carlo Belli, Roberto Belloni, Roberto Burlando, Paolo Busoni, Davide Caramella, Thomas Casadei, Gianlugi Cecchini, Stefan Collignon, Daria Coppola, Simone D'Alessandro, Fabio Dei, Matteo Del Chicca, Pompeo Della Posta, Emidio Diodato, Giorgio Gallo, Federica Guazzini, Marcelo Labanca Correa de Araujo, Federico Oliveri, Sonia Paone, Leonardo Pasquali, Alessandro Polsi, Maurizio Pugno, Davide Ruggieri, Francesco Sarracino, Mauro Stampacchia, Fabio Tarini, Tiziano Telleschi

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Scienza e Pace – Science and Peace (SP) è la rivista online e open access del Centro Interdisciplinare "Scienze per la Pace" (CISP) dell’Università di Pisa. Rifondata nel 2010, la rivista dal 2017 ha cadenza semestrale: i due numeri vengono pubblicati rispettivamente entro luglio e dicembre di ciascun anno.

Scienza e Pace– Science and Peace si propone come luogo aperto di riflessione scientifica internazionale, multidisciplinare e interdisciplinare, per quanti svolgono attività di ricerca, insegnamento e lavoro sul campo nell’ambito degli studi per la pace, a partire da aree disciplinari e approcci metodologici differenti.

La rivista ospita in particolare: analisi teoriche e empiriche sui fenomeni conflittuali del presente e del passato, che tengano conto della diversa origine (culturale, religiosa, storica, sociale, economica, politica, giuridica, ecc.) e della diversa natura (strutturale, sistemica, interpersonale, ecc.) dei conflitti, nei contesti ed ai livelli più vari; analisi teoriche e empiriche sulle strategie di gestione, trasformazione e risoluzione dei conflitti, già sperimentate o da sperimentare, con l'obiettivo di costruire relazioni sociali e internazionali di pace. La rivista incoraggia in particolare la sottomissione di articoli scientifici di approccio critico, innovativo e interdisciplinare.

Attualmente l’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca italiana include Scienza e Pace – Science and Peace nell’elenco delle riviste scientifiche per le aree di “Scienze dell’antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche”, “Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche”, “Scienze economiche e statistiche” e “Scienze politiche e sociali”. La rivista è impegnata a ricevere analogo riconoscimento per l'area di “Scienze giuridiche”.

Scienza e Pace – Science and Peace pubblica lavori originali in lingua italiana, inglese e - solamente per quelle aree che lo richiedessero in nome della propria specificità culturale - in lingua spagnola. La pubblicazione di tali lavori è sottoposta a una valutazione preliminare interna al Comitato editoriale e successivamente a un processo di referaggio anonimo affidato a esperti dei diversi settori scientifico-disciplinari, esterni al Comitato editoriale e al Comitato scientifico, secondo gli standard del double blind peer review.

Sono previsti numeri monografici su temi che gli organi editoriali riterranno utili da proporre per un approfondimento. A tali numeri sarà possibile partecipare attraverso apposite calls for papers. È tuttavia possibile sottoporre in qualsiasi momento i propri lavori all’attenzione del Comitato editoriale, al di fuori delle calls monografiche.

La rivista ospita anche recensioni di libri su temi rilevanti del dibattito pubblico e nell’ambito internazionale dei Peace Studies. Le case editrici e gli autori che abbiano pubblicato lavori di interesse per la rivista, possono inviare le proprie pubblicazioni in formato cartaceo o elettronico al Comitato editoriale, che farà il possibile affinché vengano recensite.

Le posizioni espresse dagli autori degli articoli non rispecchiano necessariamente quelle del Comitato editoriale o del Centro Interdisciplinare "Scienze per la Pace".

 

 

 

 

Sabato, 04 Dicembre 2010 18:41

Rubriche & Focus

Scritto da

 

Rubriche



 

Armi e disarmo


 

 

 

 

Campagne e

movimenti sociali

 

 

 

Diritti e democrazia

 

 

 

 

Mediazione e

nonviolenza

 

 


 

Migrazioni


 

 

 


Modelli di sviluppo

 

 

 

 


Obiettivo mondo

 

 

 

 


Recensioni

 

 

 

 

 

Guerre e conflitti

 

 

 

 

 


Focus


Migrazioni e

nuovi razzismi

 

 

 

 

Dove vai, Europa?


 

 

 


Idee di città e

consumo di territorio

 

 

 


Conflitti ambientali

 

 

 

 

 

Quale democrazia 2.0?


 

 

 

 

Militarizzazione

del territorio


 

 

 

 

 


Mercoledì, 10 Marzo 2010 21:29

Collaboratori

Scritto da

 

Criteri editoriali e regole per i collaboratori (in costruzione)

Domenica, 07 Marzo 2010 00:25

La rivista

Scritto da


La costruzione della pace è un compito che richiede, oltre a un impegno costante e ad azioni concrete, anche un notevole sforzo di analisi delle cause della violenza e dei conflitti, così come dei processi che possano portare al loro superamento. In questo senso, tutte le scienze, da quelle della natura a quelle umane, possono portare un contributo fondamentale.


Scienza e Pace è una rivista online, di taglio interdisciplinare, che si propone come luogo di discussione pubblica per tutti coloro che intendono approfondire, per motivi di ricerca o lavoro, o anche per puro interesse, le tematiche della pace. La pace viene qui intesa nel senso ampio che è si è andato delineando negli ultimi decenni all'interno dei Peace Studies: come contraltare, innanzitutto, della guerra e della violenza diretta, ma anche e soprattutto come rimozione della violenza strutturale e come costruzione delle condizioni che consentono, a ciascuno e a ciascuna, non solo di soddisfare i propri bisogni fondamentali, ma anche di condurre una vita ricca e libera e di essere persone pienamente inserite nelle società in cui vivono.


Scienza e Pace ospiterà articoli dedicati a temi e problemi rilevanti per questa idea di pace, che verranno analizzati e discussi a partire da aree disciplinari e competenze scientifiche anche molto diverse, e possibilmente, con un approccio interdisciplinare e con uno sguardo critico sulle dinamiche del mondo contemporaneo: conflitti, crisi, relazioni geopolitiche, migrazioni, sostenibilità, movimenti sociali, istituzioni democratiche. Nella pagina principale saranno contenuti articoli che, seppur ben fondati sul piano scientifico e metodologico, e corredati di una bibliografia essenziale, abbiano un taglio divulgativo e una dimensione contenuta, in modo da essere facilmente accessibili a un pubblico più ampio dei soli specialisti. Tali articoli saranno organizzati secondo Rubriche tematiche: vi troveranno spazio anche recensioni di libri, scientifici e letterari, così come resoconti di conferenze ed eventi ritenuti pertinenti rispetto alle tematiche della pace e dei conflitti. Occasionalmente verranno aperti dei Forum per sollecitare il dibattito pubblico sulle questioni di maggiore attualità, così come periodicamente verranno pubblicati dei Focus monografici sulle tematiche più complesse, affrontate da vari e complementari punti di vista. Gli articoli di maggiore impegno tecnico-scientifico verranno pubblicati nei Research Papers. Questi articoli, che dovranno rispettare i tradizionali standard delle riviste scientifiche, saranno soggetti a un processo di revisione. Tale sezione avrà per scopo soprattutto quello di consentire una rapida disseminazione dei risultati, anche parziali, di ricerche in corso: pertanto la pubblicazione su Scienza e Pace non impedirà una successiva pubblicazione in altra sede. La lingua più usuale della rivista sarà l'italiano, ma pubblicheremo volentieri anche articoli e recensioni in lingua inglese.


Scienza e Pace è sostenuta dal Centro Interdisciplinare di Scienze per la Pace e dai Corsi di Laurea in Scienze per la Pace dell'Università di Pisa. Le posizioni espresse dagli autori non necessariamente rispecchiano quelle della rivista, o di chi la sostiene.

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa